Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1015 del 21/01/2010

Cassazione civile sez. II, 21/01/2010, (ud. 17/12/2009, dep. 21/01/2010), n.1015

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ELEFANTE Antonino – Presidente –

Dott. MENSITIERI Alfredo – Consigliere –

Dott. MALZONE Ennio – rel. Consigliere –

Dott. PICCIALLI Luigi – Consigliere –

Dott. MIGLIUCCI Emilio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 30743-2005 proposto da:

D.P., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA FLAMINIA

56, presso lo studio dell’avvocato FIOCCA ROBERTO, che lo rappresenta

e difende;

– ricorrente –

contro

AMMINISTRAZIONE PROVINCIA L’AQUILA in persona del Presidente pro

tempore P.S., elettivamente domiciliata in ROMA,

P.LE DELLE BELLE ARTI 2, presso lo studio dell’avvocato SCALISE

GAETANO ANTONIO, rappresentata e difesa dall’avvocato DI MASSA LUIGI;

– controricorrente –

e contro

ENTE AUTONOMO PARCO NAZIONALE ABRUZZO;

– intimato –

avverso la sentenza n. 58/2004 del TRIBUNALE di SULMONA, depositata

il 15/10/2004;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

17/12/2009 dal Consigliere Dott. ENNIO MALZONE;

udito l’Avvocato FIOCCA Roberto, difensore del ricorrente che ha

chiesto l’accoglimento del ricorso;

udito l’Avvocato DI MASSA Luigi, difensore del resistente che ha

chiesto il rigetto del ricorso;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

PRATIS PIERFELICE che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Con ricorso depositato in data 9.12.1981 D.P. proponeva opposizione all’ordinanza-ingiunzione n. 2128 del 28.10.1981 della Provincia dell’Aquila, notificata in data 10.11.1981, di pagamento della somma di L. 500.000 per violazione della L. n. 968 del 1997, art. 20, lett. B, per essere stato sorpreso ad esercitare abusivamente la caccia nel territorio del Parco Nazionale d’Abruzzo in località (OMISSIS), contestando di trovarsi in zona vietata, bensì nelle immediate vicinanze di (OMISSIS), non soggetta al divieto di esercizio di attività venatoria.

La convenuta, costituitasi, contestava l’avverso dedotto, nel senso che la zona ove il D. era stato trovato ad esercitare la caccia era inserita nel perimetro del Parco Nazionale di Abruzzo, specificamente segnalata con tabelle perimetrali.

Il Tribunale di Sulmona – sez.stralcio, espletata c.t.u. e assunti i testi, con sentenza n. 58/4, depositata il 15.10.04, rigettava il ricorso e condannava l’opponente alle spese di lite.

Per la cassazione della decisione ricorre l’opponente per difetto di motivazione.

Resiste con controricorso l’intimata Provincia.

Lamenta il ricorrente che il primo giudice non avrebbe sufficientemente esposte le ragioni che lo avevano indotto a preferire le risultanze della cartografia a quelle differenti della relazione peritale.

Vale, invece, considerare che, a fronte della mancata esposizione delle conclusioni tratte in proposito dal c.t.u., il primo giudice nella scelta tra le risultanze oggettive di una cartografia allegata al D.P.R. 2 novembre 1976 e le deduzioni del c.t.u., contrarie allo stato oggettivo, ha preferito dare credito al dato certo ed oggettivo proprio dello stesso segmento cartografico, anzichè all’interpretazione soggettiva del perito di ufficio.

Il ricorso è, quindi, infondato e il ricorrente sopporta le spese del presente giudizio in forza del principio della soccombenza.

P.Q.M.

rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, che liquida in Euro 1.700,00, di cui Euro 200,00 per spese, oltre spese generali ed oneri accessori come per legge.

Così deciso in Roma, il 17 dicembre 2009.

Depositato in Cancelleria il 21 gennaio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA