Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10143 del 21/04/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 21/04/2017, (ud. 22/02/2017, dep.21/04/2017),  n. 10143

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Antonio – Presidente –

Dott. ORILIA Lorenzo – rel. Consigliere –

Dott. CORRENTI Vincenzo – Consigliere –

Dott. FALASCHI Milena – Consigliere –

Dott. CRISCUOLO MAURO – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 8601-2016 proposto da:

S.M.R., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DI

PIETRALATA 320-D, presso lo studio dell’avvocato GIGLIOLA MAZZA

RICCI, rappresentata e difesa dall’avvocato MARIO ALFONSO FOLLIERI;

– ricorrente-

contro

COMUNE SAN GIOVANNI ROTONDO, difeso dall’avv. GIOVANNI SQUARCELLA e

domiciliato in Roma presso la Corte Suprema di Cassazione;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1871/2015 della CORTE D’APPELLO di BARI,

depositata il 19/11/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

22/02/2017 dal Consigliere Dott. LORENZO ORILIA.

Fatto

RAGIONI IN FATTO E DIRITTO DELLA DECISIONE

Rilevato che S.M.R. ha proposto ricorso per cassazione contro la sentenza della Corte d’Appello di Bari depositata il 19.11.2015 con cui – nell’ambito di un giudizio di regolamento di confini, rilascio, e pagamento di somme da essa promosso contro una pluralità di confinanti e contro il Comune di San Giovanni Rotondo – aveva, per quanto ancora interessa in questa sede, in accoglimento dell’appello principale proposto dalla S. nei confronti dell’ente, pronunciato condanna di quest’ultimo al pagamento Euro 2.500,00 a titolo di danni da occupazione illegittima di una porzione di suolo;

rilevato che con l’unico motivo di ricorso la S. deduce la violazione del principio di corrispondenza tra il chiesto e il pronunciato ex art. 112 c.p.c. nonchè l’errore in procedendo e iudicando (art. 360, nn. 4 e 5) dolendosi della mancata condanna del Comune anche al rilascio della porzione di fondo illecitamente occupata;

rilevato che il relatore ha proposto la dichiarazione di manifesta infondatezza del ricorso;

ritenuto che il ricorso è manifestamente infondato perchè, come si evince dagli atti di causa (alla cui consultazione la Corte di Cassazione è abilitata in considerazione del vizio procedurale dedotto (Sez. 1, Sentenza n. 16164 del 30/07/2015 Rv. 636503 – 01; Sez. L, Sentenza n. 8069 del 21/04/2016 Rv. 639483-01) la S. lamentò nei confronti del Comune non uno sconfinamento con domanda di rilascio (che invece aveva avanzato contro i proprietari confinanti), ma unicamente una occupazione appropriativa di mq 91 della p.lla (OMISSIS) in conseguenza dell’ampliamento di (OMISSIS) a seguito di decreto di occupazione di urgenza e quindi si rivela corretta e coerente la pronuncia della Corte d’Appello nel ritenere proposta nei confronti dell’ente solo una domanda risarcitoria derivante da occupazione appropriativa;

che pertanto il vizio dedotto non sussiste, essendosi la Corte di merito attenuta a quanto espressamente domandato;

ritenuto che le spese vanno poste a carico della parte soccombente;

considerato che il ricorso per cassazione è stato proposto successivamente al 30 gennaio 2013 ed è stato dichiarato inammissibile per cui sussistono le condizioni per dare atto – ai sensi della L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato-Legge di stabilità 2013), che ha aggiunto il comma 1 -quater al testo unico di cui al D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13 – della sussistenza dell’obbligo di versamento, da parte della parte ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per la stessa impugnazione (Sez. U, Sentenza n. 8053 del 07/04/2014 Rv. 629830 – 01).

PQM

la Corte rigetta il ricorso e condanna la parte ricorrente al pagamento delle spese del presente grado di giudizio che liquida in Euro 1.500,00 per compensi, oltre alle spese forfettarie nella misura del 15%, agli esborsi liquidati in Euro 200,00 e agli accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, inserito dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, dichiara la sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della parte ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, il 22 febbraio 2017.

Depositato in Cancelleria il 21 aprile 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA