Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1014 del 17/01/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. II, 17/01/2018, (ud. 07/03/2017, dep.17/01/2018),  n. 1014

Fatto

FATTI DI CAUSA

1. Nel corso del giudizio davanti al Giudice di pace di opposizione a una sanzione irrogata per violazioni del codice della strada V.S.A. ha proposto querela di falso contro i due verbali di contestazione delle infrazioni (consistenti nel passaggio con semaforo rosso, utilizzo del telefono cellulare e mancato uso della cintura di sicurezza).

La causa è stata sospesa e quindi riassunta davanti al Tribunale di Crema: in essa si costituiva l’agente di polizia municipale G.C.E., già interveniente volontario nel giudizio davanti al Giudice di pace. Il Tribunale rigettava la querela di falso.

2. Contro la sentenza V. proponeva appello alla Corte di Brescia, che – con sentenza del 5 febbraio 2013 – accoglieva il gravame.

3. G. ricorre in cassazione con ricorso articolato in quattro motivi.

Le controparti, V. e il Comune di Crema, non hanno proposto difese.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Con il primo motivo il ricorrente denuncia, ai sensi dell’art. 360, comma 1, n. 3, “violazione e falsa applicazione degli artt. 2727 e 2729 c.c. in relazione all’art. 116 c.p.c. e art. 2700 c.c.”: la Corte d’appello avrebbe errato nel ritenere provata la falsità del verbale di accertamento a fronte di elementi probatori cui può al più essere riconosciuto il valore di presunzioni semplici, sprovviste delle caratteristiche prescritte dall’art. 2729 c.c. e quindi non idonee a superare il valore di prova legale dell’atto pubblico.

Il motivo è fondato per quanto concerne il fatto del mancato utilizzo da parte di V. delle cinture di sicurezza. Se in relazione al passaggio con semaforo rosso e all’utilizzo del telefono cellulare la Corte d’appello ha ritenuto – a differenza del giudice di primo grado – di aver raggiunto il proprio, insindacabile in questa sede, convincimento circa la falsità delle relative attestazioni (sulla base di elementi indiziari e delle dichiarazioni dei testimoni A. e M.), per quella del mancato uso delle cinture di sicurezza, la Corte afferma che “al riguardo nessun teste ha potuto riferire alcunchè, mentre lo stesso agente G. ha dichiarato di averne riscontrato la mancanza mentre affiancava la vettura del V. sulla sinistra, all’altezza dei sedili posteriori”, posizione che non consente di verificare la situazione delle cinture del conducente o che può dar luogo “a facili errori di percezione della realtà”, così che “può ritenersi provata la non veridicità dell’attestazione”.

In questo modo la Corte, a fronte della mancanza di elementi probatori sufficienti, accolla le conseguenze di tale insufficienza su G. e non sul querelante V., così applicando in modo erroneo le regole della prova, che vogliono che il rischio del mancato raggiungimento della prova del fatto, in questo caso la falsità dell’attestazione del mancato utilizzo delle cinture di sicurezza, sia addossato nei confronti di chi il fatto allega, V. che ha proposto la querela di falso, e non nei confronti di chi il fatto contesta.

2. Con il secondo motivo si lamenta violazione e falsa applicazione degli artt. 146 e 195 C.d.S.: la Corte d’appello avrebbe errato nel considerare falsa l’attestazione relativa al passaggio con semaforo rosso, essendosi il V. fermato, ma a seguito di ordine dell’agente.

Il motivo è infondato: il giudizio di falso ha infatti unicamente ad oggetto il verbale di accertamento, ove – p. 8 del provvedimento impugnato – è scritto che V., alla guida del veicolo, ometteva di arrestarsi alla lanterna semaforica, così che la Corte d’appello, una volta accertato che V. si era arrestato, ha correttamente ritenuta provata la falsità dell’attestazione. Inconferente è poi, trattandosi appunto di giudizio di querela di falso, il richiamo all’art. 195 C.d.S. e al potere del giudice di infliggere una sanzione per arresto irregolare.

3. Il terzo motivo denuncia violazione dell’art. 116 c.p.c. in relazione all’art. 2700 c.c., in quanto la Corte d’appello avrebbe ritenuto attendibili i due testimoni senza considerare le loro incongruenze e l’efficacia di atto pubblico di quanto attestato dall’agente.

Il motivo è infondato: il giudice d’appello ha infatti, con accertamento – come già detto in relazione al primo motivo insindacabile in questa sede, ritenuto, a differenza del primo giudice, attendibili le dichiarazioni rese dai due testimoni A. e M..

4. Il quarto motivo lamenta violazione dell’art. 99 disp. att. c.p.c., in quanto la querela di falso non sarebbe stata, come prescrive la disposizione, confermata nella prima udienza e neppure nel corso del giudizio di primo grado.

La censura è inammissibile. L’eventuale vizio, infatti, doveva essere fatto valere in primo grado o quale motivo d’appello (e di questo non vi è traccia nel ricorso), ma non può essere fatto valere per la prima volta in questo giudizio.

5. La fondatezza del primo motivo determina, in relazione al motivo accolto, l’accoglimento del ricorso. La sentenza impugnata è quindi cassata in relazione alla censura accolta e la causa rinviata ad altra sezione della Corte d’appello di Brescia, che provvederà, in applicazione del principio sopra enunciato e nei limiti del motivo accolto, a rivalutare i fatti; il giudice di rinvio provvederà anche circa le spese del presente giudizio.

PQM

La Corte accoglie il ricorso in relazione al primo motivo, cassa la sentenza impugnata, in relazione al motivo accolto, e rinvia ad altra sezione della Corte d’appello di Brescia, anche per la liquidazione delle spese del giudizio.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Seconda Sezione Civile, il 7 marzo 2017.

Depositato in Cancelleria il 17 gennaio 2018

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA