Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1009 del 17/01/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 17/01/2017, (ud. 01/12/2016, dep.17/01/2017),  n. 1009

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CIRILLO Ettore – Presidente –

Dott. MANZON Enrico – rel. Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 29281-2015 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– ricorrente –

contro

EL RIO IMMOBILIARE SRL in persona del legale rappresentante,

P.L., A.C.R., PE.CL., S.M.,

elettivamente domiciliati in ROMA, PIAZZA ESCHILO 37, presso lo

studio dell’avvocato GIOVANNI BIAGINI, rappresentati e difesi

dall’avvocato MARIA SILVIA GENEROTTI giusta procura in calce al

controricorso;

– controricorrenti –

nonchè contro

EXCELLENT ADVENTURES SRL, SABAN MAKS;

– intimati –

avverso la sentenza n. 2426/2015 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di MILANO dell’11/03/2015, depositata il 04/06/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio

dell’01/12/2016 dal Consigliere Relatore Dott. ENRICO MANZON.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Atteso che ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., è stata depositata e ritualmente comunicata la seguente relazione:

“Con sentenza in data 11 marzo 2015 la Commissione tributaria regionale della Lombardia accoglieva l’appello proposto dalla Excellent Adventures srl in liquidazione avverso la sentenza n. 169/5/14 della Commissione tributaria provinciale di Como che ne aveva rigettato il ricorso contro l’avviso di accertamento IRES, IVA, IRAP ed altro 2008.

Avverso la decisione ha proposto ricorso per cassazione – notificato alla società contribuente ed ai suoi soci, di cui uno, S.M., anche quale liquidatore della società medesima – l'”Agenzia delle entrate deducendo un unico motivo – ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, per violazione/falsa applicazione del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 39, artt. 2697 e 2729 c.c..

Resistono con controricorso i destinatari della notificazione dell’impugnazione.

Il ricorso si palesa inammissibile.

Pacifico è in fatto che la società contribuente, già in liquidazione, è stata cancellata dal registro delle imprese in data 11 novembre 2014, quindi prima della sentenza impugnata.

Ciò posto, bisogna ribadire che “Il D.Lgs. 21 novembre 2014, n. 175, art. 28, comma 4, recante disposizioni di natura sostanziale sulla capacità delle società cancellate dal registro delle imprese, non ha valenza interpretativa, neppure implicita, e non ha, quindi, alcuna efficacia retroattiva. Ne consegue che il differimento quinquennale (operante nei confronti soltanto dell’amministrazione finanziaria e degli altri enti creditori o di riscossione indicati nello stesso comma, con riguardo a tributi o contributi) degli effetti dell’estinzione della società derivanti dall’art. 2495 c.c., comma 2, si applica esclusivamente ai casi in cui la richiesta di cancellazione della società dal registro delle imprese (che costituisce il presupposto di tale differimento) sia presentata nella vigenza della nuova disciplina di detto D.Lgs., ossia il 13 dicembre 2014, o successivamente” (Sez. 5, Sentenza n. 6743 del 02/04/2015, Rv. 635140).

Dunque la società contribuente non poteva essere destinataria del ricorso in esame.

Nemmeno peraltro lo potevano essere i suoi soci qualificati come “successori”, essendosi anche affermato nella giurisprudenza di questa Corte che “Il processo tributario iniziato nei confronti di una società successivamente estintasi per cancellazione dal registro delle imprese non può proseguire nel giudizio di cassazione ad opera o nei confronti degli ex-soci, poichè essi rispondono del pagamento di tali imposte, del D.P.R. n. 602 del 1973, ex art. 36, comma 3, solo se abbiano ricevuto beni sociali dagli amministratori nel corso degli ultimi due periodi di imposta precedenti alla messa in liquidazione o dai liquidatori durante il tempo della liquidazione, e nei limiti del valore di detti beni, per cui l’accertamento tali circostanze comporta un ampliamento del “thema decidendum” e del “thema probandum” non consentito in sede di legittimità” (Sez. 5, Sentenza n. 19611 del 01/10/2015, Rv. 636519).

Peraltro – come la pronuncia da ultimo citata anche afferma- per la medesima ragione di diritto deve escludersi analogamente che destinatario del ricorso e parte nel presente giudizio possa essere S.M., quale ex liquidatore della società contribuente, in quanto tale non qualificabile “successore”, ma al più civilmente responsabile del mancato pagamento dei debiti della società estinta, ma solo ove ne venisse accertato il relativo titolo con specifica azione risarcitoria, diversa e distinta da quella tributaria oggetto del presente giudizio.

Si ritiene pertanto la sussistenza dei presupposti di cui all’art. 375 c.p.c., per la trattazione del ricorso in camera di consiglio e se ne propone la declaratoria di inammissibilità”.

Il Collegio condivide la relazione depositata.

Il ricorso va dunque dichiarato inammissibile e la ricorrente Agenzia fiscale condannata alla rifusione delle spese del presente giudizio.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso; condanna la ricorrente a rifondere ai resistenti le spese del presente giudizio che liquida in Euro 7.300, oltre spese borsuali Euro 200, 15% per contributo spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 1 dicembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 17 gennaio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA