Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10064 del 28/05/2020

Cassazione civile sez. VI, 28/05/2020, (ud. 12/11/2019, dep. 28/05/2020), n.10064

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Presidente –

Dott. COSENTINO Antonello – rel. Consigliere –

Dott. TEDESCO Giuseppe – Consigliere –

Dott. FORTUNATO Giuseppe – Consigliere –

Dott. CRISCUOLO Mauro – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 28003-2018 R.G. proposto da:

D.M.I., elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR,

presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa dagli avvocati

ANTONIO GIORDANO, LUIGI DAMIANO;

– ricorrente –

contro

P.R., C.A., PO.ST.;

– intimati –

per regolamento di competenza avverso l’ordinanza n. 2118/2018 del

TRIBUNALE di NAPOLI, depositata il 23/07/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 12/11/2019 dal Consigliere Relatore Dott. ANTONELLO

COSENTINO;

lette le conclusioni scritte del Pubblico Ministero, in persona del

Sostituto Procuratore Generale Dott. CORRADO MISTRI, che conclude

chiedendo che la Corte di Cassazione voglia dichiarare che il

Tribunale di Napoli Nord, in composizione monocratica, è giudice

competente alla trattazione del procedimento n. 4661/2017.

Fatto

RAGIONI IN FATTO ED IN DIRITTO DELLA DECISIONE

La sig.ra D.M.I., proprietaria di un appartamento con annesso giardino in un fabbricato condominiale di Casoria, convenne davanti tribunale di Napoli Nord la sig.ra Pe.Ro., proprietaria dell’appartamento sovrastante, e i sigg. C.A. e Po.St., conduttori del medesimo, per sentirli condannare a cessare le turbative e molestie in suo danno, a rimuovere le corde per panni stese sul suo giardino, a riparare i vetri divisori fra le proprietà e a risarcire il danno da lei patito.

Con ordinanza del 23.7.2018 il tribunale adito ha dichiarato la propria incompetenza in favore del giudice di pace di Casoria, ai sensi dell’art. 7 c.p.c., comma 3.

La sig.ra D.M. ha impugnato detta ordinanza con regolamento di competenza, negando che l’oggetto della causa fosse riconducibile alla previsione di cui all’art. 7 c.p.c., comma 3.

I sigg.ri P., C. e Po. non hanno svolto attività difensiva in questa sede.

La causa è stata chiamata all’adunanza in camera di consiglio del 12 novembre 2019, per la quale il Procuratore Generale ha depositato conclusioni scritte chiedendo stabilirsi la competenza del tribunale di Napoli Nord.

L’impugnata ordinanza così descrive le molestie di cui D.M.I. ha chiesto ordinarsi la cessazione: “le molestie consistevano nel riversare rifiuti di ogni genere all’interno del giardino, nell’aver posizionato le corde per il bucato che impediscono alla deducente di utilizzare il giardino e nelle immissioni maleodoranti dei bisogni del cane” (pag. 2 dell’ordinanza, righi 2 e ss.).

Tali condotte esulano dalla materia, contemplata nell’art. 7 c.p.c., comma 3, delle “immissioni di fumo o di calore, esalazioni, rumori, scuotimenti e simili propagazioni che superino la normale tollerabilità”. Non si tratta, all’evidenza, di “propagazioni”, ma di materiale collocazione di cose sul terreno del giardino dell’attrice (rifiuti o deiezioni animali) o nello spazio aereo che lo sovrasta (corde per la stesura di panni).

Il proposto regolamento di competenza va pertanto accolto, l’ordinanza impugnata va cassata e va dichiarata la competenza del tribunale di Napoli Nord, che regolerà anche le spese del presente giudizio.

PQM

Accoglie il ricorso per regolamento, cassa l’impugnata ordinanza e dichiara la competenza per territorio del tribunale di Napoli Nord, che regolerà anche per le spese del presente regolamento.

Rimette le parti davanti al tribunale di Napoli Nord, assegnando alle stesse il termine di legge per la riassunzione della causa davanti al medesimo.

Così deciso in Roma, il 12 novembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 28 maggio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA