Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10023 del 27/04/2010

Cassazione civile sez. lav., 27/04/2010, (ud. 24/02/2010, dep. 27/04/2010), n.10023

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VIDIRI Guido – Presidente –

Dott. DI NUBILA Vincenzo – Consigliere –

Dott. NAPOLETANO Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. ZAPPIA Pietro – Consigliere –

Dott. BALLETTI Bruno – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

POSTE ITALIANE S.P.A., in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA Po n. 25/B presso lo

studio dell’avvocato PESSI ROBERTO, che la rappresenta e difende

unitamente all’avvocato TRIFIRO’ SALVATORE, giusta mandato a margine

del ricorso;

– ricorrente –

contro

B.M.A.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 665/2005 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 30/09/2005 r.g.n. 669/04;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

24/02/2010 dal Consigliere Dott. GIUSEPPE NAPOLETANO;

udito l’Avvocato MARIO MICELI per delega FESSI ROBERTO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SEPE Ennio Attilio, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La Corte di Appello di Milano, confermando la sentenza di primo grado, accoglieva la domanda avanzata da B.M.A., proposta nei confronti della società Poste Italiane di cui era dipendente, avente ad oggetto il suo trasferimento nella sede vicina al parente handicappato.

I giudici di appello premettevano che, sulla base degli accordi sindacali 17/1 e 23/1/01, il diritto al trasferimento andava riconosciuto ai lavoratori per i quali trovavano applicazione le disposizioni di cui alla L. n. 104 del 1992 e successive modifiche avendo detto personale la precedenza nella scelta della destinazione, indipendentemente dal posto occupato nella relativa graduatoria di appartenenza. Ritenevano, poi, detti giudici, che le parti sociali, avevano escluso il requisito dell’assistenza in atto.

Conseguentemente, avendo il lavoratore dimostrato l’invalidità del proprio padre, portatore di handicap grave, e della madre, invalida totale e permanente, lo stesso aveva diritto ad essere trasferito, risultando la sussistenza della condizione di unica persona in grado di prestare assistenza.

Avverso tale sentenza la società Poste italiane propone ricorso per cassazione sostenuto da tre motivi.

Parte intimata non svolge attività difensiva.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo la società deduce violazione e falsa applicazione degli artt. 1362 e segg. c.c., in relazione alla collocazione utile da parte del personale non in eccedenza, nonchè vizio di motivazione.

Allega che la sentenza di appello ha omesso di considerare che il presupposto per rivendicare il diritto all’assegnazione, nell’ambito della mobilità volontaria, è di aver conseguito una posizione utile in graduatoria. Viceversa la lavoratrice non si è posizionata utilmente.

Assume poi, che il mancato accoglimento della predetta eccezione implica altresì, la violazione e falsa applicazione delle norme relative all’interpretazione dei contratti poichè dagli accordi sindacali 17 ottobre e 23 ottobre 2001 si desume in primis la previsione di determinati presupposti per essere destinatari di una posizione utile in graduatoria.

Con la seconda censura la società denuncia violazione e falsa applicazione degli artt. 1362 e segg. c.c., in relazione al requisito dell’assistenza in atto e vizio di motivazione.

Richiama la società il criterio letterale e logico, nonchè l’interpretazione fornita dalla giurisprudenza della L. n. 104 del 1992, cui gli accordi rinviano, ai fini anche del concetto di assistenza.

Con il terzo motivo la società allega violazione degli artt. 115 e 116 c.p.c. e artt. 1362 e segg. c.c., in relazione al requisito dell’esclusività dell’assistenza, nonchè vizio di motivazione.

Denuncia, in proposito, la società che la Corte di Appello ha ritenuto l’esclusività dell’assistenza “sulla base di una valutazione dei fatti di causa errata e contraddittoria”. Sottolinea che la stessa controparte ha ammesso di essere coniugata e che la madre era assistita da una badante. Una corretta interpretazione dell’Accordo, conclude la ricorrente,avrebbe dovuto indurre ad affermare che il requisito di cui trattasi va inteso nel senso che non vi sia altro soggetto che presta assistenza.

Il primo motivo del ricorso è fondato nei limiti di seguito indicati.

Invero, la Corte territoriale si limita ad affermare che “l’accordo 23/10/01, con riferimento specifico alla posizione di portalettere, ha dato la precedenza al personale, nei cui confronti trovino applicazione le disposizioni di cui alla L. n. 142 del 1992 e successive modificazioni … precisando: Detto personale, ove inserito nelle sopraccitate graduatorie di mobilità, avrà la precedenza nella scelta della destinazione indipendentemente dal posto occupato dallo stesso nella relativa graduatoria di appartenenza”.

Non ha affrontato, pertanto, la Corte del merito, il problema, pur sollevato nel giudizio di merito, concernente la necessità, ai fini dell’operatività del meccanismo della precedenza nella scelta,sancito dagli accordi collettivi, di un utile posizionamento, in tale graduatoria, del lavoratore. In altri termini, doveva la Corte territoriale, preliminarmente, verificare se le parti contrattuali, avevano voluto riservare la precedenza nella scelta solo ai lavoratori che si fossero utilmente collocati in graduatoria, ovvero a tutti i lavoratori inseriti nella graduatoria a prescindere da una loro utile collocazione.

Tale accertamento, del resto, si poneva in via necessariamente pregiudiziale, considerato che l’attuale resistente, come non contestato, non si era utilmente collocato nella graduatoria.

La decisione della Corte di appello di Milano è, quindi, sotto tale aspetto affetta dal denunciato vizio di motivazione.

Conseguentemente in accoglimento del primo motivo del ricorso, nel quale rimangono assorbiti gli altri,la sentenza impugnata va cassata, con rinvio, anche per le spese del giudizio di legittimità alla Corte di Appello di Milano in diversa composizione.

P.Q.M.

La Corte accoglie il primo motivo del ricorso, dichiara assorbiti gli altri, cassa, in relazione al motivo accolto,la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese del giudizio di legittimità, alla Corte di appello di Milano in diversa composizione.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 24 febbraio 2010.

Depositato in Cancelleria il 27 aprile 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA